Secondo Casadei

SECONDO CASADEI: SEMPLICEMENTE… IL BALLO

di Gianluca Bibiani

Secondo CasadeiGiù il cappello signori! Siamo al cospetto dell’artista che ha monopolizzato e rivoluzionato il mondo della musica da ballo. Già, perché tanti suoi successi sono tutt’ora tra i più eseguiti nelle balere e per anni hanno condiviso i vertici delle hit parade mondiali con le canzoni di autori molto più celebrati.

Secondo Casadei è stato l’idolo di milioni di immigrati che nell’immediato dopoguerra hanno valicato le Alpi in cerca di fortuna; alle sue canzoni associavano un legame indissolubile con la propria terra natia e suscitavano emozioni forti, uniche, che solo l’Inno di Mameli riusciva ad uguagliare.

Ma andiamo per ordine: Secondo Casadei nasce a Sant’Angelo di Gatteo (Forlì) il 1° aprile del 1906 e, almeno agli inizi la sua è stata una storia simile a quella di tanti comuni mortali. La tradizione di famiglia imponeva per lui un futuro da sarto, ma tutti noi sappiamo che le cose sono andate ben diversamente! La musica è la sua grande passione e, dopo un po’ di sana gavetta, abbandona gli studi classici e si dedica alla musica da ballo con il suo inseparabile violino. A 22 anni dà origine alla prima Orchestra Casadei e lo fa con una formazione “anomala” almeno per quelle che sono le ferree regole della Romagna. Infatti, accanto al “clarinetto in do”, ai due violini, al contrabbasso ed alla chitarra, inserisce due strumenti nuovi (novità assoluta): il saxofono e la batteria. Il successo è una naturale conseguenza del talento, dell’impegno e dell’amore che Secondo Casadei investe in questa nuova avventura; la sua notorietà tocca degli apici altissimi anche in virtù delle tante incisioni (a fine carriera se ne conteranno 1048) e dell’inesauribile vena creativa.

Questo è un estratto dalle interviste di Gianluca Bibiani ai protagonisti della musica da ballo italiana e pubblicati sul magazine Strumenti&Musica. Se sei interessato all’articolo completo, è disponibile per l’acquisto, in versione PDF, alla pagina Gli artisti della Musica da Ballo oppure acquistando il corrispondente numero arretrato, in versione PDFcartacea, nelle apposite pagine.

Il tuo carrello

Il carrello è vuoto.



Conviene ricevere la newsletter?

Scoprilo cliccando qui